Omesso versamento Iva: esclusione della forza maggiore per l’imprenditore che incassa le somme ma anzichè accantonarle le usa per autofinanziamento.

  Nota a Cass. Pen. Sez. III, 24/06/2021, n. 30677 Con la decisione in esame la Corte di Cassazione ha sancito che quando risulti che l’i.v.a. sia stata effettivamente incassata e le relative somme non siano state accantonate ma impiegate per autofinanziamento, per altri scopi imprenditoriali, oltre ad essere provato il dolo, l’autore dell’omesso versamento

IL REATO DI SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE È INTEGRATO SOLO DA CONDOTTE COMMISSIVE.

Nota a Cass., Sez. VI, ud. 27 maggio 2021 – dep. 2 settembre 2021, n.32694. La Suprema Corte in sede di ricorso avverso l’ordinanza del Tribunale che aveva parzialmente annullato il sequestro preventivo finalizzato alla confisca, diretta e per equivalente e correlativamente ridotto l’ammontare del tantundem, con la sentenza n. 32694, depositata il 2 settembre

ANCHE L’AMMINISTRATORE CESSATO DALLA CARICA SOCIETARIA PUO’ RISPONDERE A TITOLO DI CONCORSO NEL REATO EX ART 2 D.LGS. 10 N. 74 DEL 2000

Con la sentenza del 15 giugno 2021 n. 32237, la Sezione Terza della Suprema Corte di Cassazione, pronunciatasi su un caso di dichiarazione fraudolenta mediante l’utilizzo di fatture false, ha enunciato il seguente principio di diritto: “ il precedente rappresentante legale della società che ha contabilizzato false fatture può rispondere a titolo di concorso nel

Nel reato di omesso versamento dell’l’I.v.a. l’imposta va determinata facendo riferimento al rigo VL38

Nota a Cassazione penale, sez. III, 21 aprile 2021 – 10 agosto 2021, n. 31367. Al legale rappresentante di una società di capitali veniva contestato il reato di omesso versamento dell’I.v.a., sanzionato dall’art- 10-ter d.lgs. 74/2000 e, in tale contesto, il pubblico ministero richiedeva il sequestro preventivo ai sensi dell’art. 321 c.p.p., finalizzato alla confisca

Ulteriore cambio di rotta della Cassazione: il patteggiamento per i reati tributari dichiarativi e per il delitto di occultamento delle scritture contabili richiede l’estinzione integrale del debito tributario

La Terza Sezione Penale della Corte Suprema di Cassazione, contravvenendo ad alcune precedenti pronunce, torna a occuparsi del tema di perdurante attualità afferente alla possibilità di avvalersi del procedimento speciale dell’ “applicazione della pena su richiesta delle parti”, cd. “patteggiamento”, in materia di reati tributari senza che vi sia stata l’estinzione integrale del debito tributario

D. LGS. DEL 30 LUGLIO 2020 N. 100 E D.M. ATTUATIVO DEL 17 NOVEMBRE 2020

Pubblichiamo il d. lgs. del 30 luglio 2020 n. 100 “Attuazione della direttiva UE 2018/822 del Consiglio, del 25 maggio 2018, recante modifica della direttiva 2011/16/UE per quanto riguardo lo scambio automatico obbligatorio di informazioni nel settore fiscale relativamente ai meccanismi transfrontalieri soggetti all’obbligo di notifica“; nonchè il decreto ministeriale attuativo del 17 novembre 2020,

CALL FOR PAPERS: “La disciplina penale in materia tributaria. Tra diritto positivo e diritto vivente”

CALL FOR PAPERS: “La disciplina penale in materia tributaria. Tra diritto positivo e diritto vivente”

L’Osservatorio reati tributari, in collaborazione con la Editoriale Scientifica, allo scopo di promuovere un momento di riflessione sullo stato dell’arte, le criticità interpretative e l’opportunità di un rinnovato approccio culturale e giuridico alla disciplina penale in materia tributaria,  ha deciso di attivare una call for papers sul tema “La disciplina penale in materia tributaria. Tra diritto

La Suprema Corte esclude la violazione del principio del ne bis in idem nell’ipotesi di coesistenza tra illecito penale tributario e procedimento amministrativo

Siamo lieti di pubblicare la nota dell’Avv. Chiara Fiacchi alla sentenza n. 4439 del 4 febbraio 2021 , dal titolo “La Suprema Corte esclude la violazione del principio del ne bis in idem nell’ipotesi di coesistenza tra illecito penale tributario e procedimento amministrativo“.

Riforma dei reati tributari e responsabilità da reato degli enti

Riforma dei reati tributari e responsabilità da reato degli enti

Ringraziamo il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli per la disponibilità ad organizzare il primo incontro di studi dell’Osservatorio. Il webinar, nel corso del quale si discuterà di “Riforma dei reati tributari e responsabilità da reato degli enti”, sarà il primo di una serie di incontri tematici, nei quali intendiamo coinvolgere, in ragione delle specifiche

IL REATO DI INDEBITA COMPENSAZIONE DI CUI ALL’ART. 10-QUATER D.LGS. N. 74/2000 SUSSISTE ANCHE QUANDO VENGONO ESTINTI DEBITI PER TRIBUTI DIVERSI DALLE IMPOSTE DIRETTE E DALL’I.V.A. E CONTRIBUTI PREVIDENZIALI O ASSISTENZIALI.

Pubblichiamo la nota del Prof. Francesco Ardito a: Cass., sez. III pen., 18 settembre 2020 – depositata l’8 gennaio 2021, n. 389. _______ La Suprema Corte ribadisce che la sfera di operatività del reato di indebita compensazione, di cui all’art. 10-quater del d.lgs. n. 74/2000, si estende alla compensazione “orizzontale”, anche nell’ipotesi in cui il

LE PRESUNZIONI TRIBUTARIE NON HANNO DI PER SE’ VALENZA NEL PROCESSO PENALE.

Publichiamo la nota di commento del Prof. Francesco Ardito alla sentenza della Suprema Corte n. 39615 del 22.10.2020. _______________ Con la sentenza n. 39615, depositata il 22 dicembre 2020, la Suprema Corte ribadisce che le presunzioni tributarie non hanno efficacia probatoria piena nel processo penale, costituendo solo elementi utili per il libero convincimento del giudice